Berlino, storia e innovazione

Berlino è la città di maggior rilevanza della Germania, ma anche un Bundesland, dunque una sorta di “città stato”. Capitale della Repubblica Federale della Germania e sede del governo, è uno dei più importanti centri culturali, politici e scientifici d’Europa. In passato è stata capitale della Marca di Brandeburgo, del Regno di Prussia, dell’Impero tedesco, della Repubblica di Weimar e infine del Terzo Reich fino al 1945.

L’area metropolitana ha una superficie complessiva in grado di ospitare, insieme all’area di Brandeburgo, una popolazione di oltre 6 milioni di abitanti.

264A2846 copia.jpg
Lago ghiacciato con tramonto

Un paio si settimane fa ho avuto l’occasione di trascorrerci alcuni giorni. Alloggiavo a pochi minuti di distanza dallo Zoologischer Garten,  il famoso e rinomato zoo che da il proprio nome a tutta la zona circostante all’interno del quartiere di Charlottenburg. Arrivando in una città di queste dimensioni, per poterla vivere al meglio, è necessario spostarsi di continuo, per poter visitare i monumenti e i musei più famosi. Fortunatamente i mezzi pubblici possono rivelarsi molto utili, essendo infatti estremamente efficienti, si ha la possibilità di raggiungere facilmente qualsiasi zona si desideri visitare.

264A2361 copia.jpg
Chiesa visibile dalla stazione della metro

Una zona di fondamentale importanza è certamente l’isola dei musei, così denominata dalla grandissima varietà di reperti conservati all’interno degli edifici situati in quel settore. È possibile visitare il Pergamon Museum, di fronte al mastodontico Duomo. Nelle immediate vicinanze sono anche visitabili moti altri edifici contenenti reperti Greci, Etruschi, la mostra permanente impressionista e molti altri prodotti artistici.

264A2306 copia.jpg
Vista del Duomo dal Pergamon Museum
264A2336 copia.jpg
Vista dei cantieri dell’isola dei musei

Il sito è in continua evoluzione, si sviluppano gli edifici, ma parallelamente ad essi anche le infrastrutture, le metro e gli altri mezzi che ne permettono il raggiungimento. Questo è il segreto della grande e veloce crescita della città di Berlino. I lavori non cessano mai, dopo esser stata interamente distrutta i processi di ricostruzione non si sono mai arrestati, lo stato ha investito nella ricostruzione di tutti gli edifici storici rimasti intatti solo al 20/30 % e oggi l’obiettivo si è spostato verso la continua evoluzione e il continuo allargamento. Le gru sono, a mio modo di vedere, un grande simbolo di questa città, una città distrutta che non si arrende, che anzi lotta per tornare allo splendore di un tempo finanche superandolo.

264A2569 copia.jpg264A2429 copia.jpg

L’ultima zona che ho visitato è quella governativa, la più moderna, ancora in costruzione. Quest’ultima comprende gli edifici della cancelleria, gli uffici di tutti i politici e dei loro segretari, e infine il Bundestag  il parlamento tedesco ed esprime la rappresentanza popolare della Repubblica Federale di Germania. Ha sede a Berlino dal 1990, anno in cui la capitale fu spostata da Bonn. Prima del ’49 fino al ’45, al posto del Bundestag esisteva il Reichstag. L’edificio, oggi noto per la famosa cupola vetrata interamente percorribile, venne ricostruito in seguito al famoso incendio che consentì a Hitler di acquisire i pieni poteri acquisendo il controllo dello stato.

264A2659 copia.jpg
Vista del Bundestag

264A2746 copia.jpg

L’edificio è situato nelle immediate vicinanze dell’immensa porta di Brandeburgo, un tempo inaccessibile a causa della presenza del muro e, come tutti gli altri stabili governativi è caratterizzato da una politica di tipo trasparente. Tutti gli edifici sono stati studiati affinché fosse possibile vedere dall’esterno ciò che accadeva all’interno e viceversa.

264A2764 copia
Porta di Brandeburgo
264A2650 copia.jpg
Edificio governativo con vetrate

In conclusione, nonostante non fosse rimasto praticamente nulla della vecchia città, i tedeschi non si sono scoraggiati. La Germania non ha mollato, ha lottato per la propria identità, per il recupero della sua capitale, l’ha ricostruita interamente, senza mai fermarsi e ora è pronta ad andare oltre, a rendere una delle città più ricche di storia, solcata da grandissimi drammi, ma allo stesso tempo in continuo progresso.

Per vedere tutte l foto di Berlino Clicca qui!

Tu ci eri già stato? Se si cosa ti ha colpito maggiormente?

 

20 thoughts on “Berlino, storia e innovazione

    1. A dire il vero un pò si, nono so come dire, è veramente una bella città, ma sembra poco viva, le città italiane sono molto più attive, molto più frequentate.

    2. Io ci sono stata qualche settimana fa e ho avuto la tua stessa sensazione: triste, in cui ognuno pensa per sè, con gente strana in giro… però ha dei bellissimi musei e monumenti. Vale la pena di visitare Berlino solo per il Phergamon Museum, è davvero STUPENDO!

  1. Il mio guaio davvero serio e viaggiare per lavoro il che spesso significa toccata e fuga è la sensazione comunque di esserci già stata in quel posto.
    Ecco mi hai fatto venire voglia di andare a Berlino proprio per Berlino.

    Sherabientotgrazie

  2. Si Ci sono stato da Londra in Transalp nel 2001. Ho fatto il camping a bordo del Wahnsee per poi sapere che qui fu creata ‘la soluzione finale’ di Hitler. I musei sono grandiosi specialmente quello del Pergamon. Interessante la differenza ancora molto percepibile tra est e ovest. L’organo del duomo è bellissimo. Il mio tedesco è praticamente zero. I giovani erano amichevoli, i più vecchi però un pò impazienti…